MIBAC - Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici Lombardia

Prevenzione e manutenzione per i Beni Culturali edificati. Procedimenti scientifici per lo sviluppo delle attività ispettive. Il caso studio delle aree archeologiche di Roma e Ostia antica

Politecnico - Aula "De Donato", Milano

21 marzo, 2011 - Presentazione

Prevenzione e manutenzione per i Beni Culturali edificati
Il volume che viene presentato è l'esito della prima fase di una intensa attività di ricerca - sviluppata a partire da settembre 2009, e che verrà conclusa entro giugno 2011 - in collaborazione tra Politecnico di Milano e Ministero per i Beni e le Attività Culturali, relativa alla proposta di una metodologia operativa per la realizzazione di attività preventive finalizzate alla manutenzione programmata delle aree archeologiche di Roma.
Le ragioni che suggeriscono di favorire processi indirizzati alla prevenzione dei fenomeni del degrado con attività programmate di tipo ispettivo e manutentivo - piuttosto che più invasivi interventi di restauro - sono da tempo note e largamente condivise, ma non hanno sinora trovato la disponibilità di efficaci apporti di carattere applicativo che ne definiscano i contenuti, le procedure e le modalità di intervento.
La particolare complessità e rilevanza dell'area demaniale centrale di Roma, mettono inoltre in evidenza che, nella tutela del patrimonio culturale, non possono essere disgiunte le necessità di conservazione dalle questioni connesse con la piena fruizione, nella consapevolezza che la tutela, da sola, è una prospettiva limitata, in specie se ridotta a pura tecnica connessa alle singole modalità di intervento.
Affrontare problemi di questa natura presuppone dunque la attivazione di adeguate politiche di tutela e di gestione di una pluralità notevolissima di Beni diffusi sul territorio.
Obiettivo non secondario di questo lavoro è quello di promuovere un mutamento di prospettiva che si propone di limitare il ricorso ad azioni singole e slegate nel tempo, propense a favorire eventi eclatanti, per promuovere un'idea di manutenzione come processo. Un modo di pensare e di agire profondamente alternativo rispetto al passato, che promuova le strategie (prevenzione e "cura") rispetto alle tattiche (restauro episodico e a guasto avvenuto); il perseguimento dell'efficacia a lungo termine piuttosto che la ricerca della pura efficienza e del beneficio immediato.

Programma

Saluti
Giovanni Azzone, Rettore del Politecnico di Milano
Piercarlo Palermo, Preside della Facoltà di Architettura e Società

Presentazione
Stefano della Torre, Direttore Dipartimento BEST

Interventi
Caterina Bon Valsassina, Direttore Regionale Lombardia MiBAC
Alberto Artioli, Soprintendente per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Milano
Raffaella Poggiani Keller, Soprintendente per i Beni Archeologici della Lombardia
Marco Dezzi Bardeschi, Professore emerito di Restauro Architettonico

Conclusioni
Roberto Cecchi, Segretario Generale Ministero Beni e Attività Culturali
Paolo Gasparoli, Dipartimento BEST

Lunedì 21 marzo 2011, ore 10.00
Politecnico, Aula "De Donato", Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano